Questione di punti di vista

Ho pensato a lungo prima di scrivere questo post. 

Tutto ha inizio l'estate 2017, che volevo presentare in maniera ufficiosa il mio libro nella mia cittadina. La data prestabilita per la presentazione il 18 giugno, e avrei dato spazio a "la soffitta dei ricordi" un libro che raccoglie 14 storie autobiografiche, la prefazione curata dal Prof. G.N. Meldolesi Presidente della Fondazione Neurone. Tutto si svolgeva all'interno del castello Orsini di Fiano Romano, era mio piacere di farlo conoscere laddove vivo! Ma ahimè gli abitanti di Fiano Romano non sono persone abituate a leggere, e non ci sarà mai spazio per un libro tanto è vero che non c'è nemmeno una libreria! Leggere è sempre più un optional!

Parlare di cultura associata al mio mondo per il mio paese è un tabù, non si fa nulla per sensibilizzare l'opinione pubblica, tantomeno per ascoltare cosa ha da dire una persona affetta da una malattia rara che vuole presentare il suo ultimo libro. Naturalmente nessuno dei miei compaesani ha preso parte all'evento, che ha richiamato l'interesse di una sola persona.

L'assurdo di questo episodio che: l'amministrazione comunale ha approvato la presentazione del mio libro tre giorni prima della data prestabilita, sicché non vi è stato modo e/o maniera di avvisare, avvertire la popolazione! Sembra che a monte del problema ci fosse l'approvazione per il patrocinio, visto che l'evento si svolgeva nei locali del comune e sulle locandine andava apportato il logo del comune di Fiano Romano. Ma se tanto mi da tanto e sorgono problemi per un patrocinio non c'è da meravigliarsi se ad Amatrice stentano ad avviare le pratiche e consegnare le casette per gli alloggi! Cosa un pò più seria ma sempre atti burocratici sono! Ho pensato alla mia presentazione collegando la vicenda e alle tante situazioni che sono ferme per cavilli burocratici, l'Italia i nostri governanti dovrebbero riflettere... è penoso tutto ciò.

Personalmente mi sono sentita presa in giro, ho trovato disgustoso e penoso nei confronti della mia persona e della cultura dare consensi tanto per far contenti, o dichiarare assensi quando la partecipazione non c'è, sarebbe stato meglio essere chiari subito, le occasioni non mancano!

Infatti è già tornato ArgentPic alla sua seconda edizione, un concorso letterario che mi ha dato molto lo scorso anno, mi ha vista partecipe e nel quale sono stata insignita di una targa. Il premio si tiene nelle storica Tarquinia. Personalmente mi fa piacere essere accolta con amicizia oltre che valorizzata per ciò che scrivo! Quest'anno il Premio si avvarrà di presenze significative e prestigiose come Osvaldo Bevilacqua e A.Moroni già presente lo scorso anno che solo in terra Etrusca potevo incontrare. Ricordo bene il presidente onorario parlò che la cultura ha margine di crescita grazie ai privati che la supportano, in circostanze simili, a dispetto delle istituzioni pubbliche, ove tutti collaborano unitamente al progetto, nell'interesse di tutti.

Un esempio da prendere per il bene della collettività.

Mi dispiace che lo stesso non sia accaduto nel mio paese Fiano Romano ma la cultura ricade anch'essa quasi sempre su raccomandazioni. Va beh doveva andare così per capire! Sicuramente sarà un sollievo per le Autorità Comunali sapere che non mi servirò più dei loro spazi antistanti per le mie presentazioni! Non cesserò di esserci con i miei libri, cosicché non smetterò di scrivere, mettere se stessi in un libro, esserci, è un traguardo che non si può spiegare!

Credo che la divulgazione di un libro scritto da un paziente con una malattia rara sia altresì utile quanto quello scritto da un luminare, perché le conoscenze, i punti di vista dell'uno siano complementari all'altro; portare a conoscenza libri di natura diversa scritti e pubblicati da un editore per una persona orfana sia un bel traguardo, peccato che le autorità non siano in grado di attuare una buona politica a supporto di ciò.

La ruota della vita ritorna sempre, e fare del bene premia sempre e comunque! Inoltre non è un disonore essere malati, semmai una ragione in più da valorizzare (nei giusti ambienti) sia la persona che i suoi testi, ed è impensabile escluderla perché affetta da una malattia rara, escluso perché è raro. Prima che tutto avesse inizio dissi testuali parole: "chi prende in giro il cittadino prende in giro la comunità." Non si può venire incontro ai bisogni della gente se per primi non si affrontano i propri; e mi sembra abbastanza improbabile che una persona come me trovi la sua dimensione culturale proprio nel paese che gli ha dato i natali.

 

Gina Scanzani - 10 luglio 2017

FB_IMG_1496387096006.jpg