Sfida alla comunicazione scientifica. convegno

Una breve premessa: la vita non è mai semplice ma sicuramente ci dà le possibilità d'individuare la strada da percorrere per rendere la stessa meno tortuosa.

Eccomi ci sono ancora è un libro che ha valore comunicativo per la scienza ed è per questo che è stato scelto in virtù dei suoi contenuti. In questo modo è riemerso con la stessa forza con cui è nato.

Dalla voce della penna, che in quel periodo diede il suono alla mia voce a oggi, mi ritorna quasi gentile ricordo. È stato un grande momento nel quale ho potuto sfoggiare l'entusiasmo e far partecipe il mio mondo dei miei progressi. Questo è stato ricoperto da un ruolo principe e per questo ringrazio la vita, sempre onorata per averlo scritto. La mia testimonianza, nel mio libro "Eccomi ci sono ancora" tenutasi il 01 dicembre dal titolo "Sfida alla comunicazione scientifica" prevede l'attribuzione di ECM (cosi formativi.)

Nei giorni antecedenti il convegno uscivano articoli come questo: La Fondazione Neuromed organizza, giovedì primo dicembre a partire dalle nove, il convegno La sfida della comunicazione scientifica: malattie rare e cittadini. Sorgente: Malattie rare, la sfida della comunicazione: meeting Neuromed |

Per la circostanza mi ero preparata una relazione che vertava sul tema della scrittura, intesa non solo come atto dello scrivere bensì come qualsiasi forma d'arte o di creatività fine a se stessa.

La personale esperienza è stata molto ricca di emozioni ben visibili nell'intervista realizzata dagli organizzatori, dove una voce tremula che s'interrompe per l'emozione.

Pensare che, qualche anno fa vedevo solo fumo negli occhi... Beh devo solo ringraziare la mia musa che senza pretendere altro che una penna mi è sempre stata vicina insieme alla buona sorte! In questo modo sono arrivata a questo traguardo, confrontandomi in un convegno scientifico accreditato ECM, con medici e ricercatori semplicemente portando loro la mia testimonianza di vita e come la scrittura abbia funto da arbitro nei momenti bui.

La cosa che può sorprendere come un semplice testo sia stato scelto! Posso rispondere che il contenuto non è usuale né commerciale né tanto meno riportato altrove. Le malattie rare sono in sensibile aumento e non va tralasciato nulla al caso e soprattutto la sfera emozionale riveste e gioca un ruolo essenziale. I temi vanno dibattuti nelle sedi appropriate con le persone giuste.

Personalmente ho sempre cercato nella poesia il dialogo, la massima espressione, il mezzo con cui comunicare quel sentire che spesso fugge.

Sui canali youtube Neuromed di Pozzilli sono presenti interviste della giornata; l'augurio che esempi come quelli forniti dall'Istituto Neuromed abbiano a ripetersi in altre istituzioni del campo medico scientifico.

Volare con la fantasia per muoversi di persona si può basta essere motivati a farlo!

Video disponibile su youtube eccoci ci siamo ancora per le malattie rare.

Grazie a tutti. Gina

 

img_-9kv076_31312682866_o.jpg