Esperienza sola maestra

L’esperienza mi instradò verso altre conoscenze, quando ero prossima a una importante presentazione presso il Campus Bonomia di Bologna, ripiegai senza pensarci troppo, sulla piattaforma Youcanprint. Con loro ne è nata subito una collaborazione e bella intesa.

Ho continuato a camminare sui canali dell’auto pubblicazione scoprendo Lampi di stampa, anche con loro una sintesi e una disponibilità al dialogo estrema. Praticamente due case editrici, o servizi editoriali come vogliamo chiamarli… che si avvicinano molto allo scrittore, disponibili al dialogo, non lo lasciano mai solo.

Ho iniziato a sentirmi sola quando ho pubblicato con Ilmiolibro; quella volta mi sono fatta ingannare partecipando a un concorso di narrativa, senza vagliare le giuste precauzioni. La loro arma vincente è fare numero, si guarda alle persone come numeri e si perde il contatto umano. Se hai la destrezza dalla tua parte e un nutrito numero di seguaci pronti ad acquistare il tuo libro, solo allora puoi competere con loro! Perché la gente comune si perde nel labirinto di scrittori.

Altre differenze di natura economica, escluso EAP tralascio, anche quelle fanno la loro differenza per non dire i numeri! Poiché tra il dire il fare c’è sempre di mezzo il mare, e lo scrittore che abbocca alle offerte, sbagliando paga due volte.

A conclusione, reputo la mia esperienza positiva, nonostante tutto ha insegnato, e la conoscenza non sarebbe venuta se l’errore non ci fosse stato. Dagli sbagli si impara! La conoscenza e le prospettive le aspettative che ho avuto sono state esemplari, e nella vita: non è importante quanto… ma come.

Gina Scanzani